Canti d’Incontro

Raccolta di liriche ispirate dai capolavori del Museo Barbella a Chieti
Dedica: Ai miei figli, ai miei nipoti e pronipoti

Anno di pubblicazione: 2001 – èDICOLA Editrice

PRESENTAZIONE

Bianca Maria De Luca  –  Direttrice del Museo

Nell’ambito dei programmi didattici del Museo Barbella sono previsti alcuni “Incontri con l’autore”; già due pomeriggi sono stati dicati ai maestri Gaetano Memmo e Antonio Di Fabrizio che hanno illustratrato con alcune opere di pittura il loro percorso artistico.
Il Barbella apre ora le porte ad un poeta: Raffaele Fraticelli conosciutissimo cantore teatino in vernacolo, che ci propone una rilettura in versi di alcune opere custodite nel Museo.
Nel saggio, dall’invitante titolo CANTI D’INCONTRO, Fraticelli ha riunito colori e immagini, impronte e magie, canti e sogni: un album che rievoca momenti e frammenti inediti di storia della nostra terra; i suoi versi si snodano a fornire quasi una guida illustrata e sonora nella parlata popolare.
Lo accogliamo, dunque, nelle prestigiose sale del Museo certi che il suo nuovo lavoro troverà il consenso degli amatori e degli studiosi e, soprattutto sarà uno stimolo per i giovani che, con rinnovata curiosità e sootto una nuova formula, potranno conoscere le grandi opere dei padri.

PREFAZIONE

Prof. Umberto Russo

E’ un fatto ricorrente nella storia delle attività creative quello del­l’incontro -meglio si direbbe, della simbiosi- tra le varie arti, a reci­proco sostegno, a potenziamento della loro efficacia suggestiva sui fruitori, ad esaltazione del loro carattere eminentemente umano, cioè di produzione tipica ed esclusiva dell‘homo sapiens.

INDICE

Presentazione M. De Luca, Direttrice Museo,   7
Lu silenzie,   9
Lu camine di li stelle,   11
Prefazione – Prof Umberto Russo,   13
Annunciazione,   17
Raffaele,   21
Lu sonne,   23
La zènghere,   25
Lu migrante,   26
Ha rivinute Rocche da ’sse Mèreche,   27
Segne de nozze,   29
Dimme,   31
Aligi ( Figlia di Iorio),  34
Lu pasturelle ’ndajatore,   35
Mila (Figlia di Iorio),   42
Esaltazione immaginaria,   45
Dope lu Miserere,   51
Le fèmmene di Chiete,   55
Lettera all’aldilà,   58
L’ûteme sonne,   59
La Morte I – II – III,    61
Fa bene e scurde,   63
Cafone ’n croce,   65
La scupine,   69
Cante di lune,   71
La presentose,   73
Cicirchiata nóve,   77
L’uva nera, le sagne, S. Agata,   81
Lu sorge,   85
L ’ûtema sunate,   85
Note bio-bibliografiche,   89