Lu Canestre

Raccolta di poesie dialettali abruzzesi
Dedica: A mia moglie

Anno di pubblicazione: 1966 – Editrice Arte Stampa

PREFAZIONE

Pasquale Scarpitti

« Aspitte n’âtru ccune » . . . « sta p’ariscì lu tempe bbone ».

Raffaele Fraticelli è tutto qui, in questi due versi, con il suo ottimismo, la sua spe­ranza di poeta e di uomo, con il suo mes­saggio d’amore: qualità che non gli derivano tanto da particolare predisposizione, ma da una innata fiducia nei valori della vita, in­tesi in un arco di tempo senza limiti. A leggere i suoi versi è, per ciò, come risco­prire l’essenza delle cose, il significato di sentimenti che i tempi moderni hanno mor­tficato o disconoscono, il valore di un tem­po passato al quale il poeta guarda, e noi con lui, senza più tristezza, con fiducia con­sapevole, con certezza:

« sta p’ariscì lu tempe bbone ».


INTRODUZIONE

Prof. Virgilio Melchiorre

Sono trascorsi molti anni da Cante lu core ( 1951 ), la prima raccolta di versi dialettali di Fraticelli. Ed eccoci a Lu canestre, che già nel titolo dice della nuova rac­colta con più discrezione, senza prediligere la sola vita degli affetti e senza retorica, abbracciando voci di­verse e più profonde esperienze.

INDICE

PENSIERI A CHI NON C’È PIU’
Lu Pressepie de’ la bon’àneme,   19
Core de mamme,   27
La prima segge,   33
’Na vocce pe’ la lume,   35
’Na Stella nove,   37
La terra sante,   39
ZI’ CARMINUCCIO
La terre,   43
Lu cumbare,   47
Lu corne,   51
Lu vecchie e le nuvetà,   57
La pignate,  61
CORE PAZZIJARELLE
Savetarelle ndrecce e mbruje,   65
La riggine,   67
La prima cantarine,   69
Pe’ la marrocche!,   71
CORE CHE SUSPIRE
Lu canestre,   75
Lu murtale,   77
Lu despette,   79
Lu  pajare,   81
IMMAGINI, VOCI, PERSONAGGI
Chi seme nu,   85
Pace e sonne,   87
Lu sonne di li cavallucce,   89
Voce de mamme,   91
Sonne nghe mamme,   93
La curriere,   99
Lu rennelone,   101
Lu migrante,   103
Nu mumente,   105
E’ primavere, li vide, li sinte?,   107
Serata nove,   109
Lu mezzane,   111
Lu pallone,   113
L’ûtema serenate,   115
Lu bandetore,   117
Lu lupenare,   119
Lu rrutine,   121
Lu carvunare,   123
La hàtte,   129
La muntura nove,   135
Lu gemellagge,   141