Tra Lume e Lustre

Liriche per la commemorazione di Gabriele D’Annunzio nel cinquantenario della morte
Dedica: Ai miei nipoti

Anno di pubblicazione: 1988 – Amm.ne Prov.le di Chieti – Comune di Chieti – Assoc. Ital. Cultura classica – Edizioni Sudioluce – Arti grafiche Garibaldi

PREFAZIONE

Dott. Bianca De Luca, Direttrice della Pinacoteca

Dopo i lusinghieri successi riportati con le conferenze primave­rili, per la celebrazione del cinquantenario dannunziano, la Pinaco­teca “C. Barbella” di Chieti organizza un secondo incontro autunnale.
Questo nuovo appuntamento, per la commemorazione di Gabriele D’Annunzio a cinquant’anni dalla morte, viene suggerito da un lavoro di Raffaele Fraticelli.

PRESENTAZIONE

Prof. Ermanno Circeo

Raffaele Fraticelli, sicuramente tra le voci più autentiche e schiette della poesia dialettale abruzzese, conferma le sue qualità anche in quest’ultima sua opera, significativamente intitolata Tra lume e lustre, edita a cura della Pinacoteca “C. Barbella” di Chieti che con sobrietà e dignità si è voluta inserire tra gli operatori culturali non solo di Chieti, ma dell’A­bruzzo, onorando, con manifestazioni appropriate, G. d’Annunzio nel cin­quantenario della morte.


INDICE

PREFAZIONE
Dott. Bianca De Luca, Direttrice della Pinacoteca.
PRESENTAZIONE
Prof. Ermanno Circeo.

Tra lume e lustre ,   11
Terra nostre,   12
Parlature,   13
Nu cante nove,   15
Raffaele,   17
Lu sonne,   19
Vinirdì Ssante,   21
Li fije sperze,   23
La zènghere,   25
Lu migrante,   25
Segne de nozze,   27
Dimme!,   29
Lu prime fiore,   31
Pace e sonne,   31
Giugne nghe ttè,   31
Esaltazione,   34
La Figlia di Iorio (monologo I Atto – Scena V),   37
Lu San Giuvanne,   42
Consolazione,   45
Chi séme nu’?,   50
Jem’a ’sci’ ’ngòndre,   50
Muntagna mè,   51